KUBERNETES

Kubernetes, noto anche come k8s, è una piattaforma open source di orchestrazione container Linux. Consente di eliminare molti dei processi manuali coinvolti nel deployment e nella scalabilità di applicazioni container-based. In altre parole, Kubernetes consente di gestire con semplicità ed efficienza cluster di host su cui vengono istanziati container. Questi cluster possono gestire host su cloud pubblici, privati o ibridi.

Kubernetes è un progetto open-source inizialmente sviluppato e rilasciato da Google. La sua architettura è ispirata a Borg, il gestore del workload di produzione container-based che Google utilizza internamente.

Kubernetes/Borg è quindi alla base dei principali servizi online di Google stessa.

In meno di tre anni dal suo primo rilascio, Kubernetes è diventato lo standard de-facto per l’orchestrazione di container, tanto da sostituire o integrare sistemi proprietari quali Docker Swarm o Amazon ECS; vanta una community open source tra le più attive e numerose oggi esistenti e nel 2017 è stato tra i progetti più popolari su Github.

Vuoi maggiori informazioni sui nostri servizi KUBERNETES ?
Scrivici a info@sparkfabrik.com .

Perché usare Kubernetes?

Per mantenere in produzione le moderne applicazioni a micro-service ma anche i tradizionali monoliti migrati su Docker container, serve un sistema dotato di:

MONITORING: verifica in tempo reale dello stato di salute dei servizi

AUTOSCALING: capacità di orchestrare l’aggiunta o rimozione di nodi sul cluster (horizontal autoscaling) e lo stato dei container all’interno dei singoli nodi (vertical autoscaling) in funzione del carico effettivo

SERVICE DISCOVERY: capacità di identificare automaticamente la posizione dei servizi all’interno del cluster

WORKLOAD MANAGEMENT: gestione di workload eterogenei, da quelli effimeri (pod) a quelli persistenti (storage)

SECURITY: presenza di sistemi di sicurezza e crittografia in grado di proteggere i dati dell’utente sia nello storage che sul network

Kubernetes implementa soluzioni per tutti questi aspetti.

Il suo modello è basato su una API unificata e dichiarativa: Kubernetes interpreta file di configurazione che descrivono lo stato desiderato del sistema e si occupa di mantenere dinamicamente il sistema in quello stato, senza bisogno di scrivere ed eseguire complessi script di configurazione che tengano conto di ogni possibile caso.

Kubernetes è adatto a tutti i tipi di applicazioni oggi esistenti, purché queste, con lo stack di servizi necessario alla loro esecuzione, siano migrate su container.

PAGINE DI APPROFONDIMENTO SERVIZI

KEEP IN TOUCH

Ricevi una volta al mese la nostra Newsletter